Free Essay

Radiazioni Spaziali

In: Science

Submitted By savy91
Words 1909
Pages 8
Radiazioni nello spazio
Approfondimento del corso di Missioni Interplanetarie
Saverio Murgia

Prima di iniziare a parlare delle radiazioni nello spazio, è necessario definire cosa esse siano. Spesso quando si parla di radiazioni, lo si fa utilizzando il termine con una connotazione negativa, riferendosi ad esse come un pericolo. Non tutte le radiazioni sono pericolose però, per esempio la luce è un tipo di radiazione, il calore emanato dal sole è un tipo di radiazione, il wifi e il forno a microonde utilizzano radiazioni... Con il termine radiazione si intende un fenomeno caratterizzato da trasporto di energia nello spazio senza il supporto di un mezzo materiale o il movimento di corpi macroscopici. Questa definizione ovviamente non ha connotazione negativa. E' possibile dividerle in due grandi categorie : radiazioni corpuscolari e radiazioni elettromagnetiche; le prime sono costituite da particelle sub atomiche che si spostano con velocità prossime a quelle della luce (hanno energia molto alta), le seconde si propagano nel vuoto con la velocità della luce, le particelle che le compongono sono prive di massa (hanno energia che dipende fortemente dalla frequenza).

Più interessante è la classificazione energetica delle radiazioni, la quale permette di distinguere una particolare categoria di radiazioni: le radiazioni ionizzanti. Una radiazione si definisce ionizzante quando la sua energia è sufficente a ionizzare un atomo (o una molecola). A loro volta le radiazioni ionizzanti si possono dividere in due categorie: quelle che producono ioni in modo diretto (particelle cariche alfa e beta) e quelle che le producono in modo indiretto (neutroni, raggi gamma e raggi x).

Particelle alfa: Le particelle alfa sono radiazioni corpuscolari composte da nuclei di elio, altamente ionizzanti ma con basso potere di penetrazione a causa dell'elevata sezione d'urto. Particelle beta: Le particelle beta sono radiazioni ionizzanti corpuscolari emesse da alcuni tipi di nuclei radioattivi, e sono composte da elettroni o positroni ad alta energia. Raggi gamma, beta e altre radiazioni elettromagnetiche: Questo tipo di radiazioni è altamente penetrante, ma meno ionizzante di quelle corpuscolari. Poichè le radiazioni implicano un trasferimento di energia, esse inducono modificazioni nel tessuto o materiale che le assorbe. L'energia assorbita può provocare un riscaldamento, causare corrente elettrica oppure, se abbastanza energia è assorbita, causare la ionizzazione di atomi o molecole, cioè l’espulsione di uno o più elettroni da parte della stessa.

Gli ioni hanno comportamenti chimici diversi rispetto agli atomi neutri, quindi le radiazioni ionizzanti possono potenzialmente causare più danni delle radiazioni non ionizzanti. La maggior parte degli atomi infatti sono parti di molecole, e alla base della vita vi sono le interazioni tra di esse. Poichè una molecola ionizzata si comporta diversamente rispetto alla stessa non ionizzata, ciò può causare anomalie. Fortunatamente la maggior parte delle volte i danni fatti dalle radiazioni colpiscono molecole di piccola importanza poichè ve ne sono molte altre all'interno della cellula pronte a prendere il posto di quella danneggiata. In casi

rari, la molecola colpita può reagire con altre molecole, ma comunque in genere il danno è poco importante. A volte invece vengono danneggiate delle molecole più importanti: delle proteine, degli amminoacidi, o qualche altra molecola che ha funzioni importanti. Se non funzionano correttamente, la cellula non si comporta come dovrebbe. Se si tratta di una proteina, a meno di rari casi sfortunati, è comunque possibile rimpiazzarla mediante la sintesi di una nuova proteina dello stesso tipo, mentre se si tratta del DNA, allora la cellula si comporta in maniera totalmente differente da come è previsto. Il più delle volte la cellula muore, in casi più rari essa non svolge più le funzioni che avrebbe dovuto, e nel caso in cui essa si riproducesse, potrebbe nascere un tumore. Alcuni tipi di radiazioni, come i raggi X (altamente penetranti essendo elettromagnetici) possono danneggiare un atomo, quindi una piccolissima parte di un nucleotide del DNA, altre radiazioni più energetiche possono danneggiare un cluster di atomi e quindi anche più coppie di basi, altri ancora possono danneggiare delle molecole che successivamente vanno a danneggiare il DNA.

Poichè però il DNA è così importante per la vita della cellula, essa mette in atto dei meccanismi che limitano i danni al DNA. Poichè ogni nucleotide lega con solo un altro nucleotide, se un elemento della coppia viene danneggiato, degli enzimi lo rimuovono e lo sostituiscono con il nucleotide corretto.

Purtroppo ciò funziona solamente se viene danneggiato un singolo nucleotide per coppia, e se esso non viene trasformato in un altro nucleotide dalla radiazione. In caso contrario il meccanismo di riparazione non può funzionare più, e quindi la cellula può eliminare la parte di dna danneggiata oppure sostituire le coppie danneggiate con coppie casuali di nucleotidi. Dopo queste operazioni la cellula non lavora più come dovrebbe. Durante la mitosi, il DNA è molto più vulnerabile che in tutti gli altri cicli della cellula, poichè il DNA si sta replicando e gli enzimi non riescono a riconoscere le corrette sequenze di coppie, quindi i danni non vengono riparati correttamente. Le cellule che sono più spesso in mitosi sono quelle dei follicoli dei capelli o del midollo osseo. Ciò spiega come mai elevati livelli di radiazioni causino la perdita dei capelli e l'anemia.

Riguardo le radiazioni nello spazio, circa un centennio fa, quando i fisici iniziarono a studiare le radiazioni in maniera approfondita cercando le origini di questo fenomeno, i ricercatori notarono che anche quando tutte le fonti di radiazioni note venivano rimosse, rimaneva sempre una radiazione di fondo. Essi iniziarono quindi a pensare che elementi radioattivi fossero tutti intorno a loro, e quindi fecero esperimenti per misurare la radiazione ad alta quota utilizzando dei palloni che portavano i sensori ad elevate altitudini. Come immaginavano, salendo di quota il livello della radiazione di fondo diminuiva, fino ad un certo punto però: contro ogni aspettativa, superata una certa quota il livello di radiazioni aumentava nuovamente. Fu allora che gli scienziati si resero conto che dallo spazio provenivano delle radiazioni, e Victor Hesse vinse il premio nobel nel 1936 per aver spiegato questo fenomeno. Più recentemente però si è scoperto che le radiazioni misurate da Hesse non erano esattamente radiazioni cosmiche, ma radiazioni provocate dallo scontro dei raggi cosmici corpuscolari con gli atomi dell'atmosfera terrestre. Abbiamo molta conoscenza riguardo alle radiazioni terrestri, e sulla terra abbiamo molte possibilità di schermatura prevenzione: elementi radioattivi possono essere trasportati via terra e via mare dentro pesanti container schermati, si può evitare di entrare in una zona contaminata, si possono isolare reattori nucleari

dentro grosse zone isolate dalle radiazioni...tutto ciò però non è praticabile nello spazio. Visto il costo che ogni kg ha per le missioni spaziali, sarebbe impensabile schermare totalmente uno spacecraft con metalli pesanti come il piombo, e quindi è necessario trovare soluzioni alternative. Per esempio si stanno studiando degli scudi plastici, degli scudi elettromagnetici o medicinali che limitino l'effetto delle radiazioni sugli umani. La terra, fortunatamente, è protetta dai raggi cosmici grazie alla magnetosfera. Siamo infatti circondati dal campo magnetico terrestre che deflette la maggior parte delle particelle cariche che viaggiano nello spazio a velocità elevatissime, e inoltre i gas presenti nell'alta atmosfera assorbono la maggior parte delle radiazioni elettromagnetiche pericolose. Gli astronauti, finchè rimangono all'interno della magnetosfera, ricevono un basso quantitativo di radiazioni cosmiche, soprattutto quelle generate dalla collisione delle radiazioni con i livelli alti dell'atmosfera, mentre quanto si allontanano maggiormente dalla terra, per esempio nei viaggi sulla luna o ipoteticamente in un viaggio verso marte, aumenta pericolosamente il livello di radiazioni che li investe, causando grandi problematiche per la loro salute. Per la maggior parte, i raggi cosmici son composti da particelle ad alta energia, soprattutto elettricamente cariche. Si possono subito distinguere i raggi cosmici solari, provenienti dal sole e composti per la maggior parte da nuclei di elio ed elettroni viaggianti a centinaia di km al secondo, e i raggi cosmici provenienti dallo spazio profondo, costituiti da atomi più pesanti e viaggianti a velocità prossime a quella della luce. Come è facile intuire, i primi sono molto più facili da contrastare essendo meno energetici, e sebbene generino radiazioni di bremsstrahlung esse sono raggi X a bassa energia e quindi facilmente schermabili.

Le radiazioni cosmiche solari più pericolose sono generate durante le tempeste solari, durante le quali il sole emana flussi di particelle ad alta energia con grande intensità, e purtroppo questo genere di eventi non è facilmente prevedibile. Tipi e strategie di protezione: Poichè, come già detto, non è possibile schermare con metodi tradizionali un mezzo spaziale a causa del peso che si avrebbe, è necessario trovare metodi alternativi per proteggere l'equipaggio durante delle missioni spaziali. Alcuni scienziati hanno ipotizzato di sfruttare le grandi riserve di acqua che sono necessarie per la sopravvivenza nello spazio per schermare l'interno, in modo da fermare le radiazioni. Ciò è però un problema poichè le scorte vanno utilizzate e non si avrebbe una protezione costante. Per ovviare a questo problema sono stati ipotizzati intercapedini isolanti contenti feci e urine, in grado (grazie all’acqua contenuta) di schermare ugualmente dalle radiazioni.

Altre strategie implicano l'utilizzo dell'equipaggiamento (sensoristica, motori etc etc) come schermatura, delocalizzando il tutto nel perimetro dello shuttle in modo che l'equipaggiamento stesso faccia da scudo nei confronti dei raggi cosmici. Per la protezione dalle tempeste solari, si è ipotizzato di creare uno scompartimento, sebbene piccolo e scomodo, altamente schermato con metodi tradizionali, in modo da non dover caricare troppo peso extra ma da fornire al tempo stesso un riparo sicuro per gli astronauti. Tutto ciò è possibile grazie alla breve durata delle tempeste solari. Metodi più innovativi sui quali si sta cercando di dirottare la ricerca riguardano la farmacologia: si stanno cercando dei farmaci che permettano di ridurre l'effetto delle radiazioni sul DNA aumentando l'efficacia degli enzimi e del sistema immunitario atto a riconoscere le cellule mutanti e distruggerle. Purtroppo però fino ad ora la maggior parte delle sostanze che inducono questi effetti hanno effetti collaterali di gran lunga peggiori degli effetti causati dalle radiazioni, rendendone l'uso sconveniente. Un altro metodo, e forse il più versatile dopo la soluzione farmacologica, consiste nell'emulare ciò che protegge la terra: un campo magnetico.

Creando un campo magnetico intorno allo spacecraft, o alla base spaziale, sarebbe infatti possibile rallentare e respingere le particelle cariche, lasciando passare quindi solamente i neutroni, che costituendo una parte minima della radiazione cosmica non creerebbero grandi problemi.

Questo tipo di schermatura potrebbe essere utilizzato anche in eventuali colonie lunari (che potrebbero essere protette anche venendo costruite sotto la roccia). Un difetto notevole per questa soluzione è l'enorme quantitativo di energia richiesto per creare campi magnetici sufficentemente intensi per rallentare particelle cariche a velocità prossime a quelle della luce e all'assenza di dati concreti riguardo l'efficacia. Si discute anche su quale soluzione sarebbe preferibile tra l'uso di un campo magnetico positivo esterno e negativo interno, e viceversa. Infatti creando un campo magnetico negativo esterno, si accellerebbero le particelle cariche negativamente in un primo momento, per poi rallentarle dopo. Poichè però in genere gli ioni negativi sono più energetici degli ioni positivi (elettroni, con massa molto minore degli ioni positivi) essi

richiedono più energia per essere rallentati e quindi forse sarebbe più conveniente respingerli per mezzo del primo campo magnetico. In ogni caso la soluzione migliore sarebbe la protezione del DNA a livello molecolare e atomico, per mezzo di farmaci e nanotecnologie, poichè è questa la dimensione alla quale le radiazioni compiono i danni e quindi quella alla quale sarebbe più efficace combatterle.
Fonti:
Wikipedia Magnetic shielding for spacecraft by Nancy Atkinson Astroprof's Blog - Raymond Benge, associate professor of physics and astronomy at Tarrant County College…...

Similar Documents

Free Essay

Sintesi Dei Risultati E Ruolo Della Nato Per La Sicurezza in Europa

...Riunione ministeriale del Consiglio Nord Atlantico a Parigi. L’Alleanza riafferma la sua posizione su Berlino e condanna energicamente l’erezione del muro;approva la ripresa di contatti diplomatici con l’Unione Sovietica onde verificare se si possa stabilire una base negoziale. Inoltre annuncia la creazione di una forza mobile di intervento. I-22 ALLEGATO “I” 1962 8-20 gennaio Riunione della “Convenzione Atlantica” dei cittadini dei paesi della NATO, che pubblica la sua “Dichiarazione di Parigi ”a favore del rafforzamento dell’Alleanza e della Comunità atlantica. 18 marzo Gli accordi di Evian danno vita ad una Algeria indipendente. 29 marzo Creazione dell’Organizzazione europea per lo sviluppo e la costruzione di vettori spaziali (ELDO). Paesi partecipanti: Australia, Belgio, Francia, R.F. di Germania, Italia, Paesi Bassi e Regno Unito. 10 aprile Macmillan e Kennedy invitano Krusciov a concludere un trattato per la messa al bando degli esperimenti nucleari. 4-6 maggio I Ministri degli esteri e della difesa dei paesi della NATO, riuniti ad Atene,riesaminano le circostanze in cui l’Alleanza potrebbe dover ricorrere alle armi nucleari (linee guida di Atene). 14 giugno Creazione dell’Organizzazione europea di ricerca spaziale (ESRO). Paesi partecipanti: Belgio, Danimarca, Francia, R.F. di Germania, Italia, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna, Svezia e Svizzera. (ELDO e ESRO si fusero nell’Agenzia spaziale europea (ESA) il 31 maggio......

Words: 78133 - Pages: 313

Free Essay

Innovation Initiatives in Italian Banks

... La Intranet Figura 4.4 L’evoluzione della Intranet (Fonte: osservatorio Intranet banche, Politecnico di Milano) Quando i quattro modelli di Virtual Workspace sono pienamente sviluppati ed integrati tra loro si ha a disposizione un’infrastruttura informativa in grado di supportare il cambiamento e l’innovazione che rende quindi possibile: • • • • favorire la velocità e l’agilità decisionale; stimolare la collaborazione tra le unità diverse; modificare ed adattare dinamicamente i processi organizzativi; acquisire nuove idee e stimoli che possono favorire il processo di innovazione, anche quando giungono dall’esterno. Il Virtual Workspace contribuisce insomma alla realizzazione di un ambiente creativo ed aperto, abbattendo barriere spaziali, temporali e organizzative. 4.6.3 Le scelte di governance: la road map verso il cambiamento Nell’intero percorso evolutivo da iniziative marginali e confinate, i Virtual Workspace diventano iniziative sempre più complesse che coinvolgono l’intera organizzazione, che vanno ad interagire ed integrare in vario modo i Sistemi Informativi già esistenti e possono avere impatti rilevanti sulle persone e sull’intera organizzazione scontrandosi inevitabilmente con conflitti interni e inerzie al cambiamento. L’evoluzione della Intranet deve essere gestita come un vero e proprio processo di cambiamento organizzativo e tecnologico (Figura 4.5). 83 Capitolo 4 Figura 4.5 La road map della Governance della Intranet (Fonte:......

Words: 90323 - Pages: 362

Free Essay

Integrazione Del Supporto Decisionale Con Gli Strumenti Geocollaborativi

...gruppo e per il supporto al processo decisionale. Tali ambienti includono metodi per carpire, catturare e manipolare le basi della conoscenza che supportano uno sviluppo individuale e collettivo di soluzioni alternative ai problemi spaziali. Altre capacità sono usate per gestire i modelli spaziali e supportare l’uso di metodi Multicriterio per valutare soluzioni alternative a problemi mal strutturati. Gli strumenti CSDM attuali a nostra disposizione hanno esplorato diversi modi per integrare i dati spaziali con la collaborazione, la distribuzione e la mobilità. Viene passata in rassegna una collezione di modelli decisionali utilizzando tre punti di vista: sequenziale, dinamico e continuo. Da questi si deriva un modello concettuale e una serie di requisiti necessari a integrare il supporto decisionale negli strumenti CSDM. Il modello concettuale evidenzia l’importanza delle diverse funzioni nei processi decisionali: rappresentare i problemi, trovare alternative e fare scelte (vista sequenziale); classificazione e comunicazione (visione dinamica); percezione, comprensione e proiezione (vista continua). 3 2. INTRODUZIONE DEFINIZIONE: CSDM E’ L’INTEGRAZIONE TRA I DATI GEOSPAZIALI, LA COLLABORAZIONE E IL PROCESSO DECISONALE DEFINIZIONE: I DATI SPAZIALI, NOTI ANCHE COME DATI GEOSPAZIALI O TERRITORIALI, SONO INFORMAZIONI SU UN OGGETTO FISICO CHE PUÒ ESSERE RAPPRESENTATO DA VALORI NUMERICI IN UN SISTEMA DI COORDINATE GEOGRAFICHE. IN GENERALE, I DATI GEOSPAZIALI......

Words: 9740 - Pages: 39

Free Essay

Anorexia

...Schema e immagine del corpo si differenziano per due aspetti: innanzitutto nell’ambito dell’organizzazione della conoscenza e inoltre per la valenza che hanno, l’uno neurologica e l’altro psicologica. Infatti lo schema corporeo è da ricondurre al significato in sé dello schema: cioè sottolinea la sua funzione di struttura originaria e base di organizzazione primitiva. In un certo senso è come un contenitore all’interno del quale sono contenute le nozioni sul mondo. Dunque rappresenta una premessa prima di arrivare al concetto. Inoltre in quanto riferito al corpo la sua funzione diventa particolare: fornisce la consapevolezza passando attraverso i sensi e la percezione. Infatti definisce la sensazione che l’individuo ha delle caratteristiche spaziali del proprio corpo, a partire dalle informazioni raccolte dagli organi di senso (Bruni, 1995). Anche l’immagine costituisce una base per qualcosa di più elaborato, in particolare se si parla di immagini mentali, quello che si va a formare dalla loro unione sono i modelli mentali, ma già in sé essa è un’organizzazione più complessa, perché è rappresentazione di concetti . Questo equivale a dire che io non posso avere l’immagine di un albero se non ne possiedo il concetto. Lo stesso accade per il corpo: come posso rappresentarne la forma se non ne possiedo il concetto? Ed è diverso dalla consapevolezza, perché questa si intende nel suo valore percettivo e attuale. Quindi schema e immagine hanno in comune il riferimento al corpo......

Words: 43553 - Pages: 175

Free Essay

Confronto Degli Incipit Tra Il Gattopardo E Una Donna

...precisamente la propria fanciullezza; che viene descritta come libera e gagliarda e come un’età piena di gioie e di felicità. La narrazione prosegue con la descrizione del rapporto con i genitori: il padre uomo brillante e interessante, di cui la figlia ne era profondamente innamorata, e la madre che non essendo altrettanto stimolante viene vista dalla figlia come una figura mediocre. Un’altra differenza tra le due opere è il sesso del narratore che ne “Il Gattopardo” è associabile all’autore Tomasi di Lampedusa e in “Una Donna” è palesemente la storia personale dell’autrice stessa, ovvero, Sibilla Aleramo. A parte l’appartenenza a grandi linee allo stesso genere le due opere non contengono fattori di somiglianza poiché né le marche spaziali e temporali congiungono né i temi in sé delle storia combaciano....

Words: 270 - Pages: 2

Free Essay

The Machine That Won the War (Italian)

...le idee formano l'ossatura di questo genere letterario. È intorno alle idee che ruotano gli scrittori, scrittori che non ignorano i problemi della forma. In verità le opere che rientrano in quest'ambito possono essere tra le più diverse, tanto che non vi è concordanza sui requisiti che permettono di definire una certa opera "di fantascienza". Si tratta di una banda larghissima di temi. Tra gli autori c’è chi ipotizza realtà future estrapolando i problemi vitali della nostra epoca (per esempio il degrado delle città); chi esamina le conseguenze dei progressi della medicina o della genetica. La fantascienza può trattare di intelligenze artificiali (robot, androidi, ecc.), di viaggi nel tempo e di mondi paralleli , di esplorazioni spaziali e di colonizzazione di pianeti, di contatti con forme di vita fuori dalla terra e di complesse civiltà aliene. Certamente non solo le tematiche , ma anche gli approcci e i moduli narrativi possono essere estremamente diversificati. Vedremo in particolare come la Fantascienza abbia a lungo coltivato l'intenzione di essere soprattutto un mezzo di supporto e di previsione nei riguardi del progresso scientifico e tecnologico in prospettiva futura. Scrive Solmi (noto critico di letteratura): Se è certamente per alcuni versi una forma di "letteratura d'evasione", essa ama autoprospettarsi e vi ha qualche diritto come la letteratura più "realistica".[…] Nelle narrazioni fantascientifiche, l'ambiguità è di regola: non più la certezza,...

Words: 4499 - Pages: 18

Free Essay

The Relationship Between Financial Development and Second Industrialization

...celebre economista e sociologo americano, Walt Whitman Rostow, che propone una lettura del processo di industrializzazione secondo cui sia possibile identificare un percorso di sviluppo standard seguito da ciascun paese sulla base di una classificazione dei pre-requisiti dei paesi medesimi allo sviluppo industriale: in quest’analisi l’intervento delle banche viene visto come un tentativo riuscito di sopperire alla mancanza di prerequisti (accumulazione di capitale in periodo preindustriale ) proprio in quei paesi caratterizzati sa sottosviluppo. Si tratta in linea di massima di un’interpretazione divergente rispetto a quelle che tendono a delineare delle fasi comuni nel processo di industrializzazione, riconoscendo delle analogie inter-spaziali negli iter di sviluppo seguiti dai vari paesi: si schiera in quest’ottica l’opera Industria di Lucio Cafagna, storico e politico italiano che nel suo saggio distingue chiaramente quattro fasi del processo, contrassegnate dalla predominanza del settore tessile, dallo sviluppo dell’industria siderurgica e delle ferrovie, dall’emergere degli aspetti chimici nei processi industriali, infine da nuove produzioni quali l’automobile o i velivoli. Di contro alla visione di Gerschenkron si afferma la teoria elaborata da Jeremy Edwards e Sheilagh Olgivie nel rispettivo paper intitolato Universal bank and German industrialization, ove i due studiosi contestano la dottrina secondo cui le banche miste abbiano dato un contributo decisivo alla......

Words: 4577 - Pages: 19

Free Essay

Usi Ed Effetti Del Telefono Mobile in Diverse Culture

...quotidiana, il suo uso varia sensibilmente rispetto alle aspettative iniziali. 3.1.2 La costruzione del gruppo dei pari attraverso la socializzazione in rete4 Gli studi sull‟uso sociale di internet5 hanno indicato una trasformazione del modo di socializzare nella società in rete. La cultura dell‟individualismo non porta all‟isolamento, piuttosto cambia la trama della socializzazione nei termini di contatti sempre più selezionati e autodiretti. Si parla della socializzazione in rete. Il medium di questa socializzazione include internet e telefono mobile, ma può essere anche faccia a faccia. Il punto focale non è la tecnologia in sé, quanto lo sviluppo di una rete di socializzazioni basata sulla scelta e sull‟affinità, rompendo i confini spaziali e organizzativi delle relazioni. Questo nuovo modo di relazionarsi fornisce un duplice cambiamento al livello sociale. Primo, dal punto di vista dell‟individuo, il suo mondo sociale si forma intorno alle sue reti, evolvendo con esse. Secondo, dal punto di vista della rete, la sua configurazione opera come il punto di referenza per ciascun partecipante. Quando una rete è comune a un certo numero dei propri partecipanti, essa diventa un “peer group”, ovvero un “gruppo dei pari”. La socializzazione in rete porta alla formazione sia di una rete centrata sull‟individuo, specifica per l‟individuo, sia di una rete dei pari, quando la rete diventa il contesto del comportamento per i partecipanti. Lorente si concentra sul tema del gruppo dei......

Words: 22604 - Pages: 91

Free Essay

Boooo

...acquistano le sue opere. __________________________ spazio nella tela non solo reale ma anche virtuale. inserisce concetti spazio e tempo. rende la tela 3dimensionale. Concetto spaziale 1956 Concetto spaziale attesa Concetto spaziale, IX Triennale, Milano 1951 Lucio Fontana -Concetto spaziale natura concetto di nascita semi di bronzo --> rappresentano la cavità dell’utero donarsi --> tipico della natura e dell’essere femminile Lucio Fontana - Concetto spaziale fine di Dio a forma di uovo ho dei buchi l’uovo è anche simbolo di unione, di cosmo cosmo regolato da leggi proprie può essere visto anche come cosmo che però è stato rotto e quindi ha dato fine a Dio inizio e fine nello stesso tempo _________________________ “Concetti Spaziali” di Lucio Fontana ridanno fiato all’antico amore per l’astrazione algida e assoluta degli anni Trenta, quando esponeva alla galleria del Milione di Milano con Melotti, Licini, Rho, Radice, Magnelli. Sono superfici violate da tagli netti o da punte perforanti, che incidono la compattezza della materia per rivelare accessi nascosti all’intimità. Nei buchi slabbrati del ciclo “Fine di Dio” (1963), l’artista argentino percorre una strada tutta personale per ridefinire il rapporto spazio-superficiemateria, è la strada della totale invenzione, della creazione assoluta. “Per Fontana –scrive il critico Zeno Birolli - lo spazio ha un corpo. Con questa semplice certezza che gli viene da quello che vede, Fontana riesce a confondere davanti ai......

Words: 3325 - Pages: 14

Free Essay

J&J Strategy

...società era di 129,7 miliardi. 4.6 International Context J & J esercita un’ attività a livello internazionale, confrontandosi con realtà molto differenti e complesse. Segue dunque un mix di globalizzazione e di localizzazione; analizzando le varie dimensioni della globalizzazione si può mettere in evidenza: La filosofia imprenditoriale del gruppo è orientata a livello macro alla convergenza globale, a livello micro essendovi innumerevoli differenze che denotano la plurima deframmentazione del mercato, l’organizzazione sceglie un approccio di tipo Local Responsiveness. Potremo riassumere l’attività world wide di J&J nei seguenti punti un livello avanzato di world wide scope, infatti la sua dimensione in termini spaziali è presente ovunque; un livello medio di world wide similarity, in quanto nell’offerta del prodotto farmaceutico si cerca di proporre un’elevata conformità e possibilità di scelta a seconda del tipo di cliente e delle diverse richieste a livello locale (soprattutto a livello giuridico e legale); un alto livello di world wide integration, perché i cambiamenti a livello economico, sociale e culturale investono il mercato. Relativamente all’International Management, l’organizzazione ha attenzionato 3 elementi fondamentali: * standardizzazione (il potere, la logica lavorativa, la struttura gerarchica) * coordinamento * centralizzazione delle attività La J & J distribuisce e vende i suoi prodotti in......

Words: 15412 - Pages: 62

Free Essay

Teoria Dei Tornei

...in tempo reale. La radio giocò un ruolo chiave nella seconda guerra mondiale: i regimi dittatoriali se ne servirono per la loro azione di propaganda e, mediante l’uso della censura, esercitarono un controllo continuo sulle notizie, eliminando quelle scomode. LA TELEVISIONE Verso la fine del 1900 alla radio si affiancò la televisione divenuta via via il principale riferimento d’informazione per le masse. In questo modo il mondo si è trovato a condividere le stesse immagini e le stesse informazioni. In questo periodo nasce il termine “villaggio globale” coniato dal sociologo canadese Marshall McLuhan: con questo ossimoro si vuole indicare il passaggio ad un tipo di comunicazione in tempo reale e l’abbattimento delle frontiere spaziali, che rendo le persone, indipendentemente dal luogo in cui si trovano, tutte simultaneamente partecipi ad uno stesso evento. Allo stesso McLuhan si deva anche la tesi “Il medium è il messaggio” a significare che l’uomo è soprattutto influenzato dal medium che egli utilizza maggiormente e finisce per essere in un certo senso “plasmato” dallo stesso. INTERNET Una svolta chiave nella comunicazione di massa si ha con l’introduzione di internet (fatto che peraltro avviene dopo la morte di McLuhan). Internet nasce negli Stati Uniti durante la guerra fredda come metodo per salvaguardare le comunicazioni tra i centri più importanti dello stato, qualora le comunicazioni tradizionali fossero venute a mancare, perciò si decise di......

Words: 5007 - Pages: 21